Procedimenti e modulistica

Segnalazione Certificata di Inizio Attività

SCIA, DIA o Permesso di Costruire?

L’articolo 49, comma 4bis, della legge 29 luglio 2010 n. 122 (manovra economica 2010) ha introdotto un nuovo procedimento, cui è stata attribuita anche valenza edilizia: si tratta della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).
La SCIA sostituirebbe integralmente la DIA (denuncia di inizio attività). Infatti, il comma 4ter del medesimo art. 49, prevede che “Le espressioni “segnalazione certificata di inizio di attività” e “Scia” sostituiscono, rispettivamente, quelle di “dichiarazione di inizio di attività” e “Dia”, ovunque ricorrano, anche come parte di una espressione più ampia, e la disciplina di cui al comma 4-bis sostituisce direttamente, dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, quella della dichiarazione di inizio di attività recata da ogni normativa statale e regionale”.
La lettura della suddetta previsione legislativa ha indotto molti Comuni, compreso il nostro, a ritenere che la DIA fosse stata di fatto abrogata come procedimento edilizio.

Il Ministero della Semplificazione Normativa, su richiesta della Regione Lombardia, con la nota 16 settembre 2010, n. 1340 è intervenuto nella questione esprimendo il proprio parere in merito alle tante perplessità che da più parti sono state manifestate.

In sintesi, il Ministero afferma che:

  1. la SCIA si applica anche ai procedimenti edilizi;
  2. la SCIA sostituisce la DIA prevista dal Testo Unico dell’Edilizia e quindi si dovrà utilizzare limitatamente ai procedimenti edilizi assoggettati a DIA dall’art. 22 del DPR n. 380/2001;
  3. la SCIA non sostituisce la DIA nei procedimenti, diversi da quelli contemplati dall’art. 22 del DPR 380/2001, previsti dall’art. 41 della Legge Regionale n. 12/2005.

Rimane naturalmente ferma la disciplina del Permesso di costruire.
E’ evidente che in questa fase iniziale dell’introduzione del nuovo istituto della SCIA vi saranno interpretazioni e assestamenti ulteriori.

Tuttavia, in attesa di una univoca interpretazione, il Comune di Senago -nel tentativo di fornire certezze agli utenti- adotterà il criterio indicato dal suddetto parere ministeriale.
Il tema verrà ulteriormente sviluppato e, si spera, chiarito durante il convegno che è programmato per il 12 ottobre p.v. e che è aperto, previa prenotazione e versamento della quota fissata come rimborso spese, anche ai liberi professionisti.

Il Responsabile del Settore
Sviluppo del Territorio e Q.A.
geom. Ambrogio Volpi

Allegati

icona file/pdf
comunicazione fine lavori
[81 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
comunicazione fine lavori collaudo finale
[55 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
comunicazione inizio lavori 2
[158 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
agibilita
[2158 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
modello Istat non residenziale
[282 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
modello Istat residenziale
[273 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
istruzioni mod Istat residenziale
[136 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
istruzioni mod Istat non residenziale
[125 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
SCIA
[121 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
Verbale di consegna punti fissi
[495 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
Istruzioni ISTAT per rispondente
[1182 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf

icona file/pdf
dichiarazione sostitutiva atto di notorietà
[77 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

icona file/pdf
Determina aggiornamento costo di costruzione
[115 KB - Ultima modifica: 17/05/2017]

Informazioni

Data di aggiornamento14/03/2018
Responsabile del procedimentoWalter De Bortoli
Telefono: 0299083246
Chi contattareSportello Unico Edilizia
Telefono: : 0299083253 - tecnico
0299083206 - tecnico
0299083274 - segreteria
0299083282 - tecnico

Fax: 0299010967
Indirizzo:: Municipio - Via XXIV Maggio 1
E-mail: edilizia@comune.senago.mi.it
Condividi