Procedimenti e modulistica

Imposta sulla pubblicità

Il Conto corrente postale di riferimento è c/c n. 10619146 intestato a Irtel srl Imposta Pubblicità.

Infatti la gestione del servizio accertamento e riscossione imposta comunale di pubblicità, diritti sulle pubbliche affissioni è affidata a IRTEL srl – via Bove, 14 15011 Acqui Terme (AL)
– tel. 0144-356856 e-mail irtelsrl@virigilio.it – dal lunedi al venerdi dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 17.30.

AFFISSIONE MANIFESTI SU SPAZI RISERVATI : Per i soggetti di cui all’articolo 20 del D.Lgs 507/93 quali partiti politici, associazioni sportive, culturali e altre associazioni senza scopo di lucro, rivolgersi all’Ufficio Tributi per la prenotazione degli spazi nei seguenti gioni : DAL LUNEDì al VENERDI’ DALLE 8.30 ALLE 12.00 E IL MARTEDI’ E IL GIOVEDI’ DALLE ORE 16.00 ALLE ORE 18.00. TELEFONO 0299083236.

CRITERI PER LA DETEMRINAZIONE DEL PAGAMENTO DELL’IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA’:

PRESUPPOSTO DELL’IMPOSTA : ( art. 5 D.Lgs. 507/93 )Sono soggetti al pagamento dell’imposta tutti i messaggi esposti in luoghi pubblici o aperti al pubblico diffusi nell’esercizio di un’attività economica al fine di promuovere le domande di beni o servizi.

Imposta comunale sulla pubblicità

MESSAGGI PUBBLICITARI ESENTI

INSEGNE D’ESERCIZIO:

L’imposta non è dovuta per le insegne di esercizio(*) di attività commerciali e di produzione di beni e servizi che contraddistinguono la sede ove si svolge l’attività cui si riferiscono, di superficie complessiva fino a cinque metri quadrati ( la superficie di 5 mq deve essere relativa alla misura di 1 insegna o alla somma di più insegne).

Esempio :
n. 1 insegna di mq. 4.5 = ESENTE
n. 3 insegne di mq. 1.5 cad. = mq. Tassabili 4.5 = ESENTE

(*) Definizione di “insegna di esercizio” ricavata dal Regolamento di esecuzione ed attuazione del nuovo
codice della strada di cui al D.P.R. 16/12/92 n. 495, come sostituito dall’art. 37 del D.P.R. 16/09/96 n. 610:
“Si definisce insegna di esercizio la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da marchi, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, ( COMPRESE VETROFANIE) installata nella sede dell’attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta.”

Non possono essere definite insegne di esercizio le scritte relative al marchio del prodotto venduto nel caso in cui siano contenute in un distinto mezzo pubblicitario, che viene, esposto in aggiunta ad un’insegna di esercizio, ovvero l’indicazione di uno specifico servizio offerto, poiché questa circostanza manifesta chiaramente l’esclusivo intento di pubblicizzare i prodotti in vendita o i servizi offerti.
ESEMPIO : INSEGNA DI ESERCIZIO DI MQ. 3 CON SCRITTO CAFFE’ LAVAZZA = ESENTE SE NON CI SONO ALTRE INSEGNE CHE IDENTIFICANO IL BAR;
INSEGNA CON MARCHIO CAFFE LAVAZZA + INSEGNA BAR MARIA DA MQ. 3 = MARCHIO CAFFE’ LAVAZZA PAGA, INSEGNA BAR MARIA ESENTE

PER LE INSEGNE BIFACCIALI TIPO BANDIERA, la superficie da considerare in riferimento ai 5 mq. previsti dall’esenzione, è quella della somma di ciascun lato dell’insegna.

ESEMPIO : MQ. 1.5 per lato : mq, tassabili 3 = ESENTE
Oppure MQ. 3,00 per lato = mq. Totali 6 = PAGANO

Inoltre, sono esenti dall’imposta di pubblicità:

  • la pubblicità realizzata all’interno dei locali adibiti alla vendita di beni o alla prestazione di servizi quando si riferisca all’attività negli stessi esercitata; ESEMPIO : negozio di salumeria con cartello :OFFERTA PROSCIUTTO mq. 3 esposto all’interno del locale = ESENTE ;
  • i mezzi pubblicitari, ad eccezione delle insegne, esposti nelle vetrine e sulle porte di ingresso dei locali medesimi purché siano attinenti all’attività in essi esercitata e non superino, nel loro insieme, la superficie complessiva di mezzo metro quadrato per ciascuna vetrina o ingresso; ESEMPIO : negozio di salumeria con messaggio : OFFERTA PROSCIUTTO esposto sulla vetrina del locale con uno o più cartelli, = ESENTE se non supera mezzo mq. per ciascuna vetrina o ingresso; nel caso in cui i messaggi esposti superino il mezzo mq. = PAGANO
  • gli avvisi al pubblico esposti nelle vetrine o sulle porte di ingresso dei locali, o in mancanza nelle immediate adiacenze del punto di vendita, relativi all’attività svolta, nonché quelli riguardanti la localizzazione e l’utilizzazione dei servizi di pubblica utilità( 1 ), che non superino la superficie di mezzo metro quadrato e quelli riguardanti la locazione o la compravendita degli immobili sui quali sono affissi, di superficie non superiore ad un quarto di metro quadrato (2); ESEMPI: (1) esempio : croce della farmacia (2)esempio : cartelli ” VENDESI” ;
  • la pubblicità comunque effettuata all’interno, sulle facciate esterne o sulle recinzioni dei locali di pubblico spettacolo qualora si riferisca alle rappresentazioni in programmazione;ESEMPIO : LOCANDINA DEL FILM IN PROGRAMMAZIONE IN UN CINEMA
  • la pubblicità, escluse le insegne, relative ai giornali ed alle pubblicazioni periodiche, se esposta sulle sole facciate esterne delle edicole o nelle vetrine di ingresso dei negozi ove sieffettua la vendita;
  • la pubblicità esposta all’interno delle stazioni dei servizi di trasporto pubblico di ogni genere inerente l’attività esercitata dall’impresa di trasporto, nonché le tabelle esposte all’esterno delle stazioni stesse o lungo l’itinerario di viaggio, per la parte in cui contengono informazioni relative alle modalità di effettuazione del servizio;
  • la pubblicità esposta all’interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all’art. 13;
  • la pubblicità comunque effettuata in via esclusiva dallo Stato e dagli enti pubblici territoriali;
  • le insegne, le targhe e simili apposte per l’individuazione delle sedi di comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non persegua scopo di lucro; ESEMPIO : insegna di partito politico superiore a 5 mq. ESENTE
  • le insegne, le targhe e simili la cui esposizione sia obbligatoria per disposizione di legge o di regolamento sempre che le dimensioni del mezzo usato, qualora non espressamente stabilite, non superino il mezzo metro quadrato di superficie; ESEMPIO : targhe medici o cartelli di cantiere solo con l’indicazione della licenza edilizia, il committente ecc.

ESEMPIO PRATICO:

ATTIVITA’ : BAR
MEZZI PUBBLICITARI ESPOSTI :
INSEGNA LUMINOSA : ” BAR MARIA ” DI MQ. 3 + INSEGNA A BANDIERA BIFACCIALE DI MQ. 1 PER LATO = PER UN TOTALE DI MQ. 5 = ESENTE in quanto non supera complessivamente i 5 mq.
VETROFANIA : CAFFE’ LAVAZZA DI MQ. 1 = TASSATO
CARTELLO : OFFERTA COLAZIONE esposto su porta d’ingresso DI MQ. 1,5 = TASSATO ( perché supera il mezzo mq. ) ­ vedi lettera b)
CARTELLO : OFFERTA COLAZIONE esposto all’interno del bar DI MQ. 4 = ESENTE vedi lettera a)

L’autorizzazione dovrà essere richiesta anche nell’ipotesi in cui l’insegna è esente dal pagamento dell’imposta.
La norma di riferimento è il D.Lgs. 507/1993, nonché il Regolamento per l’applicazione del Imposta Comunale sulla Pubblicità e Diritto sulle Pubbliche Affissioni approvato con delibera di C.C. n. 17 del 30.03.2005.
Per la modulistica necessaria cliccare su Ufficio Sportello Unico Edilizia.

QUANDO:

CESSAZIONE : qualora il contribuente cessi l’attività o abbia la necessità di togliere insegne/scritte esposte, per la cancellazione dal ruolo Pubblicità, è necessario che si comunichi con raccomandata o mezzo fax alla ditta Irtel la modifica/cessazione effettuata ENTRO IL 31 GENNAIO DI OGNI ANNO. Decorso tale termine tutte le insegne presenti l’anno precedente saranno riconfermate d’ufficio e pertanto conteggiate nel pagamento dell’anno in corso.

Allegati

icona file/pdf

Informazioni

Data di aggiornamento07/12/2018
Responsabile del procedimentoFauzia Pasciuta
Telefono: 0299083263
Chi contattareServizio Tributi
Telefono: : 0299083236 0299083262 0299083284 0299083242
Indirizzo:: Via XXIV Maggio 1
E-mail: tributi@comune.senago.mi.it
Orario: Lunedì, Mercoledì e Venerdì 8.30 – 12.00; Martedì 16.00 - 18.00; Giovedì 8.30 – 12.00 e 16.00 – 18.00. CHIUSO MARTEDÌ MATTINA.
Modalità per effettuare pagamentiPUBBLICITA´TEMPORANEA:per volantinaggio e locandine,rivolgersi alla Soc. Satisfaction Comunication in Via Mascagni 65 che consegnerà direttamente il bollettino di pagamento. PUBBLICITA´ SONORA: rivolgersi al Comando di Polizia Locale per ottenere l´autorizzazione;una volta ottenuta,rivolgersi à alla Soc. Satisfaction Comunication per il pagamento dell´Imposta. PUBBLICITA´ PERMANENTE:insegne d´esercizio, cartelli pubblicitari e tutto ciò che ha validità permanente,presentare domanda al Serv. Suap del Comune di Senago il quale provvederà a rilasciare apposita autorizzazione.Una volta ottenuta,il contribuente dovrà provvedere a trasmettere alla Irtel copia della denuncia allegata all´autorizzazione con le modalità indicate nella denuncia stessa.La Società Irtel provvederà a fare recapitare al contribuente il bollettino per il versamento dell´imposta.
Documenti da presentare
  • richiesta autorizzazione pubblicitaria per automezzi
  • Condividi